• Titolo: Full Metal Jacket
  • Anno: 1987
  • Genere: Drammatico, Guerra
  • Durata: 116 Minuti

Trama: Il film è ispirato al romanzo The Short-Timers di Gustav Hasford (Nato per uccidere in Italia), un ex-Marine e corrispondente di guerra che ha collaborato alla sceneggiatura.
Uno dei temi del film è l’odio tra gli uomini e il disprezzo della vita che lega tra di loro i personaggi del film, ma il messaggio principale è che la guerra genera solamente assuefazione alla morte e disumanizzazione totale negli individui suoi protagonisti. Solo chi riesce a conservare la propria personalità e a non farsi omologare dall’assurda mentalità inculcata dall’ambiente militare riuscirà a conservare la propria sanità mentale.
R. Lee Ermey è stato un vero sergente dei Marines. Inizialmente aveva il ruolo di dirigere l’attore che avrebbe dovuto strigliare i soldati, ma Kubrick lo scritturò dopo aver visto una videocassetta in cui urlava insulti ed oscenità a dei soldati per quindici minuti di fila. Venne scelto anche per il suo caratteraccio: Ermey si lamentò che gli attori-soldati erano troppo rammolliti, e quando Kubrick non lo ascoltò urlò: “Alzati in piedi quando ti parlo!”, e il regista immediatamente obbedì. Quell’episodio siglò la parte di Ermey nel ruolo di Hartman.